• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Mercato etnico, la Cna: ricollocare subito le imprese regolari
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Salce«Le imprese regolari gestite da cittadini senegalesi, che prima erano collocate nell’area di risulta della stazione ferroviaria, devono trovare al più presto una collocazione dignitosa all’interno di altri spazi commerciali della città».

Lo afferma il direttore della Cna di Pescara, Carmine Salce (nella foto), secondo cui «allo sgombero del vecchio mercatino, avvenuto all’alba di ieri, deve ora seguire da parte dell’amministrazione Alessandrini un impegno conseguente, e serio, per la ricollocazione di quanti sono in regola con permessi e licenze. Lavoratori che non possono certo patire conseguenze negative sulla loro attività, e con i quali meglio sarebbe stato procedere d’intesa a una diversa collocazione Si tratta di imprese, è bene ricordare, che pagano le tasse e i tributi nella nostra città, contribuendo quindi al mantenimento del nostro sistema, compreso quello previdenziale». «Imprese – aggiunge – nei confronti delle quali non si capirebbe perché debbano patire danni alle proprie attività in ragione della chiusura del vecchio spazio». A detta di Salce, dunque, «gli amministratori della città devono ora impegnarsi a reperire e attrezzare spazi all’interno dei diversi mercati cittadini, o in nuove aree dedicate, ma in tempi davvero brevissimi. Perché va favorita la ricollocazione di quei tanti commercianti della comunità senegalese che nella nostra realtà vogliono vivere e integrarsi; e agevolare nello stesso tempo la nascita di un vero mercato “etnico”, anche diffuso, che possa arricchire l’offerta commerciale di una città tradizionalmente curiosa e aperta al nuovo».

 
Credits
FIDIMPRESA CNA ALIMENTARE CNA BENESSERE e SANITA CNA ARTISTICO E TRADIZIONALE CNA COSTRUZIONI CNA FEDERMODA CNA TERZIARIO CNA FITA CNA INSTALLAZIONE E IMPIANTI CNA PRODUZIONE CNA SERVIZI COMUNITA FAB