• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Artigianato, ripresa lontana: da gennaio a giugno saldo negativo di 400 imprese
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Saraceni ritrattoL’artigianato abruzzese resta senza pace, e per i micro imprenditori di questa terra del medio Adriatico la tanto invocata

ripresa appare una lontana chimera. Non bastasse il “percepito”, a certificare esiti sgradevoli per gli ottimisti d’ordinanza arrivano i dati dell’indagine condotta per la Cna Abruzzo da Aldo Ronci, sull’andamento delle imprese in Abruzzo nel secondo semestre 2017: studio realizzato su dati di Movimprese, secondo cui tra gennaio e giugno a fronte di 984 iscrizioni di nuove imprese artigiane, hanno ammainato bandiera in 1.388: con un saldo negativo, insomma, di ben 404 unità. «In valore percentuale – dice il curatore dello studio – il decremento delle imprese artigiane abruzzesi è dell’1,29%, ovvero più del doppio della media nazionale, che si attesta alla soglia dello 0,58%. La flessione registrata, in verità, tende a diminuire, ma è vero anche che siamo molto lontani dagli anni pre-crisi». Nelle province abruzzesi le imprese artigiane hanno registrato variazioni disomogenee, con Chieti (-125), Pescara (-123) e L’Aquila (-99) che subiscono pesanti flessioni, mentre solo Teramo registra un decremento di entità più lieve (-57). Differenze di magra consolazione quando dai valori assoluti si passa alle percentuali, visto che tutte e quattro le province se la passano molto peggio della citata media nazionale, con Pescara in particolare (-1,64%) in apnea più degli altri territori. Quanto ai settori, si confermano le tendenze di lungo periodo – negative, manco a dirlo – nell’area delle costruzioni (-208) e delle manifatture (-111), mentre registra decrementi più lievi nel settore dei trasporti (-28), nelle attività ricettive (-28) e nelle riparazioni di auto e apparecchi per la casa (-7); rimangono invece pressoché invariate nei servizi per la persona (+3) e nei servizi alle imprese (+5). 

«La condizione di sofferenza delle nostre micro-imprese si conferma in pieno, insieme all’anomalia negativa tutta abruzzese, ovvero quella di una regione in cui il mondo dell’artigianato torna, di rilevazione in rilevazione a numeri da anni Novanta» commenta preoccupato il presidente regionale della Cna, Savino Saraceni (nella foto), secondo il quale «il pacchetto di interventi individuato dalla Cna, dalle altre associazioni d’impresa e dal sindacato dei lavoratori, nella “vertenza artigianato” avviata con la Regione, deve trovare rapida attuazione, perché i tavoli istituzionali hanno senso soltanto se la discussione si traduce in misure efficaci e rapide. Le diverse misure individuate, dal credito alla velocizzazione dei bandi, dal sostegno alla trasmissione d’impresa alla bottega scuola, dalla rigenerazione urbana alla messa in sicurezza del patrimonio abitativo, fino alla lotta alla burocrazia, vanno rapidamente messe in cantiere, pena una crisi per il mondo della micro-impresa forse irreversibile».

 
Credits
FIDIMPRESA CNA ALIMENTARE CNA BENESSERE e SANITA CNA ARTISTICO E TRADIZIONALE CNA COSTRUZIONI CNA FEDERMODA CNA TERZIARIO CNA FITA CNA INSTALLAZIONE E IMPIANTI CNA PRODUZIONE CNA SERVIZI COMUNITA FAB