• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
Aree di crisi, 16 milioni per l’Abruzzo con i fondi Por-Fesr. Seminario a Chieti
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

CrisiBen 171 comuni su un totale in Abruzzo di 305. E’ la mappa, decisamente poco confortante, della crisi che da anni ha colpito il sistema produttivo abruzzese, così come “certificata” dalla Regione Abruzzo stessa, che si appresta a mettere in campo, grazie all’iniziativa voluta dall’assessorato alle Attività produttive, guidato da Giovanni Lolli, un consistente pacchetto di risorse: ci sono infatti 16 milioni di euro da spendere per sostenere le imprese che intendono investire in questi territori. Un provvedimento tanto più importante visto che i fondi riguardano in particolare il mondo della micro impresa

e dall’artigianato, destinatario delle misure. Tecnicamente, si tratta delle risorse erogate attraverso l’avviso pubblico dal titolo “Interventi di sostegno ad aree territoriali colpite da crisi diffusa delle attività produttive, finalizzati alla mitigazione degli effetti delle transizioni industriali sugli individui e sulle imprese”, pubblicato sul numero “56 speciale” del Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo del 12 maggio scorso: fondi messi a disposizione dal cosiddetto “Por-Fesr Abruzzo 2014-2020”. Con la data del 28 giugno prossimo – dunque piuttosto ravvicinata - come termine ultimo per la presentazione delle domande. Una operazione di rilancio del sistema produttivo locale, insomma, di notevole valore e interesse, soprattutto in ragione del fatto che intende sostenere quel tessuto di micro impresa da sempre spina dorsale del sistema produttivo abruzzese e duramente colpito in questi anni: motivo, questo, che si è tradotto in un bando decisamente a maglie larghe, vista l’ampiezza delle possibilità di accesso alle risorse. Complessivamente, il territorio regionale è stato suddiviso in 9 Sistemi locali del lavoro (Ssl) corrispondenti ad altrettante aree di crisi, molte delle quali disegnati a cavallo tra due o più province: Teramo (con 21 centri); Avezzano (30); Sulmona (29); Penne (14); Chieti (37); L’Aquila (32); Giulianova (2), Vasto (4); Ortona (2). I termini del bando, le scadenze, le possibilità di utilizzo delle risorse a disposizione sono stati illustrati a Chieti Scalo, alla Camera di commercio, in via Ottorino Pomilio, nel corso di un seminario organizzato da Cna Abruzzo e Fidimpresa Abruzzo (nella foto).

 
Credits
FIDIMPRESA CNA ALIMENTARE CNA BENESSERE e SANITA CNA ARTISTICO E TRADIZIONALE CNA COSTRUZIONI CNA FEDERMODA CNA TERZIARIO CNA FITA CNA INSTALLAZIONE E IMPIANTI CNA PRODUZIONE CNA SERVIZI COMUNITA FAB