• An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
A14 nel caos, la CNA-Fita chiede la riduzione dei pedaggi
Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

A14Troppe situazioni di disagio sulla A14 Adriatica pagate da autotrasportatori ed automobilisti: giusto, così, che i pedaggi subiscano da subito una consistente riduzione.

E’ quanto chiede il presidente di CNA-Fita Abruzzo, Gianluca Carota, secondo il quale «la situazione sull’arteria sta diventando giorno dopo giorno sempre più drammatica, con l’aggiunta di nuovi divieti, limitazioni del traffico e interruzioni, che contribuiscono a creare disagi e preoccupazioni nell’opinione pubblica». «Non saremo certo noi – aggiunge – a sottovalutare problemi di sicurezza delle persone e dei mezzi, ma la situazione ora si sta facendo davvero insostenibile, ed è per questo che facciamo appello a tutti i soggetti coinvolti affinché, con senso di responsabilità, agiscano ciascuno per le proprie competenze, per risolvere questi problemi». Un appello che, come detto, si trasforma intanto in una richiesta precisa al gestore, Autostrade per l’Italia, cui la CNA-Fita abruzzese chiede di attivarsi per una riduzione consistente dei pedaggi, in considerazione dei gravi disagi che subiscono tutti coloro che oggi transitano sull’A14 nel tratto interessato dai sequestri preventivi decisi dal GIP del Tribunale di Avellino. Un problema, questo, che comporta riduzioni di carreggiata in diversi punti, con ben otto viadotti sequestrati per verifiche sulle barriere in new jersey; sequestri che ora fanno il paio con altre emergenze: come quella che potrebbe annunciarsi per il viadotto Cerrano, sulla cui eventuale chiusura ai mezzi pesanti per motivi di sicurezza, con conseguente interruzione dell’intero tratto compreso tra Città Sant’Angelo ed Atri-Pineto, si deciderà nei prossimi giorni; o la chiusura totale, già in atto, del casello di Roseto. Situazione, quest’ultima, che oltre agli ordinari disagi per mancato transito, carico e scarico merci, comporterà disagi seri agli autotrasportatori, soprattutto perché in caso di neve non potranno accedere all’autoporto di Roseto, individuato dal piano neve 2020 come luogo di stallo per i mezzi pesanti.

 
Credits
FIDIMPRESA CNA ALIMENTARE CNA BENESSERE e SANITA CNA ARTISTICO E TRADIZIONALE CNA COSTRUZIONI CNA FEDERMODA CNA TERZIARIO CNA FITA CNA INSTALLAZIONE E IMPIANTI CNA PRODUZIONE CNA SERVIZI COMUNITA FAB